domenica 29 gennaio 2012

Warning!

Così, di cuore, manderei cordialmente a fare in culo tutti quelli che invece di commentare a proposito perdono ancora inutilmente il proprio tempo a farmi rilievi grammaticali!

Sappiate che non solo venite costantemente segnalati come spam, ma che anche, sebbene nel fare dei post con la dovuta fretta e la quotidiana poca voglia (mi pare evidente che ultimamente ho ben altri cazzi per la testa) qualcosa scappi sempre, vi trovo irritanti oltre che insulsi.
E questo dall'alto delle mie quasi due lauree a pieni voti verso il basso del vostro schifo culturale e, ci giocherei il mio di culo, anche grammaticale!

Tutti accademici della crusca sti lettori! Ma fatevi na scopata, e se non vi basta ammazzatevi di seghe che è meglio.

Passo e chiudo.

I lettori sani capiranno questo sfogo..

giovedì 26 gennaio 2012

Er 25! Sorella in Milan!!

E Milano fu!
E uomini furono, ed esami passarono, e shopping fu fatto!!

Se il pischello di 20 anni si era già dileguato nelle nebbie del tempo (e dell'inutilità) prima della fatidica data, debbo dire che anche trovarsi con gli altri due non è stato semplicissimo!

Il secondo mi ha risposto una cosa come "urgh, il 25?" dopo che in teoria già glie l'avevo detto (ma non si sa mai che scherzi mi faccia ultimamente la memoria), ciò nonostante lo raggiungo all'una di notte di quel giorno stesso e gli chiedo perchè, e lui comincia dicendomi che lavora in una casa di moda detta "lagher" che concede solo un'ora d'aria tra le 13 e le 14, e che lui spesso non mangia neppure e che se prende appuntamenti in quell'arco di tempo gli prende ansia ed è un casino. Io non faccio una piega ed insisto finchè non sono riuscita a fargli accettare il mio numero di cell e a strappargli 5 minuti della sua ora d'aria.

L'incontro? Presso un bar vicino ma al contempo distante dal famoso stabile (il "lagher") di cui non mi ha voluto svelare l'ubicazione. Lui magretto, carino, fisicamente, naso a parte, ma sinceramente io stare con uno che si fa più paranoie di me (tra doveri assurdi e teorie strampalate sui segni zodiacali e sulla compatibilità, per non parlare dei rapporti a distanza e di quant'altro di umano che esuli da una dieta o dal disegnare abiti eleganti quando poi si porta addosso solo roba sportiva..) non ne ho la minima intenzione.
Ad un certo punto gli ho detto, scolta, se vuoi vai, poi io ho il numero e se voglio ti richiamo.
Bon noui numero 2!

Con il numero tre, per fortuna, le cose, sebbene non alla perfezione, sono andate decisamente meglio.
Anche lui in forse fino al week end prima (non sapeva se era in città o meno per lavoro), doveva però lavorare tutto il girono al suo banco profumi-make up in Rincascente, così la sottoscritta, dopo aver finito l'esame alle 11.30, aver fatto shopping fino alle 14.30, mangiato da Spizzico in Duomo per una ventina di minuti e poi aver dato di nuovo fino alle 16.30, sono passata lì verso quell'ora, l'ho beccato in un suo momento libero (dopo altri, falliti, tentativi, ad onor del vero) e ci ho fatto 10 piacevoli minuti di chiacchiere.
Decisamente piacevole, molto meno "affettato" del previsto, e fortemente grato alla sottoscritta di essere passata di lì nonostante i suoi casini di lavoro. Siamo rimasti che appena so di tornare ci si aggiorna.

Lo shopping?
Un cappotto, IL cappotto, arancio di Zara, una camicia nera e due maglioni della Marlboro Classics.

Conclusioni?
Bha, forse è meglio tornare a cercare qualcuno nelle vicinanze; costa di meno ed è meno improbabile trovarsi se uno dei due lavora!

Poi ci si aggiorna cmq, ovviamente!!

sabato 14 gennaio 2012

My sentimental life!

Ebbene sì, SorellaJc in fase rimorchio.
Archiviato il sì al dottorato giusto giovedì scorso, ma ancora presa dalla tesi mista all'ultimo esame di merda, mi prendo però il mio tempo per dare un'occhio a chi merita, e oggi, ad aggiorarvi sugli ultimi sviluppi.

3 uomini, 3 storie, 3 chat stabili e tre incontri il 25 a Milano.

Preda n.1: il ventenne svogliato.
Chiamiamolo K.. Ha 21 anni, è a Milano per studio, dove vive a vicino la metro Crescenzago in un appartamento che condivide con suo fratello più grande, che sa della sua passione per la ceppa e non disdegna (forse).Anyway, lui studia dietologia e non si è mai innamorato, solo storie al max di sei mesi, ha scopato ma non troppo e mai in cam. Su msn non parla molto, e questo non è che mi permetta di dare tutta me stessa, ma ha condiviso la bella foto qui sopra, ovviamente senza censure.Debbo dire che è fisicamente perfetto. Da profilo è alto 183 e pesa 72 kg.Si tenterà un incontro, ma sinceramente non mi sembra così ben disposto.
Speranza: incontro il 25 e poi una scopata o due.

Preda n.2: lo sportivo deluso dall'amore.
Chiamiamolo Al. Sportivo, maschile al massimo (look sporty per capirci, tuta, cappelli, sneakers e sticazzi) deluso di recentissimo da uno che l'ha sfruttato per avere una scopata a Natale e una a Capodanno, promettendo mari e monti e poi lasciandolo con nulla di fatto e con un cell perennemente in segreteria telefonica.
Non di brillante estro in msn, sembra però molto disposto sia a parlare che a confidarsi; classico caso in cui si può approfittare del concetto di "spalla su cui piangere" per diventare velocemente più intimi. E, a scopo puramente futuro, qualora dopo la mancata fine del mondo egli lo leggesse, tutto ciò con i fini più nobili.
26 anni 1.78, 66 kg, studia design di moda., è divertente e divertito.
Fisicamente dotato, in ogni senso sarebbe il partito perfetto.
Speranza: incontro il 25 e poi una strada tutta in discesa con tanto di storia d'ammore e di sano sesso.

Preda (?) n.3: il trentenne caleidoscopico.
Chiamiamolo R. Trent'anni tondi, un fisico che parla da solo e molte armi nel fodero. Probabilmente il meno "maschile" dei tre, è un truccatore e anche una drag queen a tempo perso; contatto in comune la fortunatissima Fitness First di piazzetta del liberty, che come caga manzi omosex lei manco la Virgin e la Scorpion messe assieme (Fabio anyone?)!
1.75 per 67 kg è uomo di consumata esperienza, la cui gentilezza e la cui intelligenza probabilmente se magnano la somma dei due precedenti.
Non disposto, ma di più sul fatto di trovarci. Ci sentiamo da dicembre, ma solo a spot su Gayromeo; in fondo un uomo come lui ha i suoi spazi...ps: a dicembre non siamo riusciti a trovarci perchè si era fratturato un piede in un allenamento di danza. Inoltre fa pattinaggio di figura.
Più che preda egli potrebbe essere un mentore, un consigliere ed addiritura una madre superiora (sempre dopo l'esimia e irrinunciabile Madree commentatrice) in grado di aprirmi le porte dell'enzomiccismo e del burlesque al maschile!
Speranza: ovviamente il 25, ed in futuro magari del buon sesso, ma soprattutto che possa farmi da insegnante, da guru, da cardinale con il reggicalze di porpora, che possa darmi dritte sia sul trucco che sugli uomini.

Il tutto con SorellaJc che giovedì è tornata alle due e ieri all'una e mezza. Sempre fuori, con la tesi in via di conclusione (193 pagine a cui aggiungere i due mini capitoli finali, la chiusura e la bibiliografia oltre che gli accogimenti suggeritimi dal prof del dottorato, che mi ha intimato di andare con tutta la calma del mondo e di consegnarla pure [entro] il 10 marzo) e una vita che sta gonfiando sempre più le sue vele.

Quindi quando non vedete post non è perchè io non sia più la regina di questo splendido blog, ma è perchè ho altro da fare, là fuori ;)

Un bacio fortissimo con schiocco carpiato a tutti i miei fedeli!

martedì 10 gennaio 2012

domenica 8 gennaio 2012

The perfect (almost naked) "alpino" look-alike!


Marcus Zierke by Julian Laidig for Hole mag

mercoledì 4 gennaio 2012

Fenomenologie reloaded: del manzo in tutte le salse!

Direttamente dal 28 novembre 2008, quindi ormai più di 3 anni fa uppo e ri-aggiorno un post oggettivamente sublime, privandolo di un po' di repressione e aggiungendo un po' dei miei gusti attuali, so... that's it!

"Amo la carne bovina! E' innegabile.
Ma cominciamo con la fenomenologia di oggi, che amerei chiamare "del manzo pendolare".
Perchè? Perchè ho notato che c'è più cazzo per strada che sulle riviste specializzate.
Tra l'altro ne esistono diversi tipi, razze e specie, la cui numerosità mi induce a ritnere le mie osservazioni comprensive di una casistica del 98,8% delle tipologie universali inerenti allo studente superiore ed universitario, ovvero un range d'età che va dai 17 ai 25 anni circa, giunti tranquillamente a 35 ora che sono anziana. Perchè vorrete dire di no ad un bel professionista, manzo, ben piazzato socialmente ed economicamente, che vi offre il fianco della sua Maserati su cui piangere perlacee lacrime?? Ma anche no!
La classificazione è stata dura, ma ecco a voi il frutto del mio lavoro, diviso per tipologie:

1) Le tipologie ontologiche (sono le caratteristiche intrinseche, esistenziali, del manzo, essenziali per partire nella nostra analisi):

la carne sprecata: questa è la pre-categoria, ovvero il 99% dei manzi che trovi per strada (nei bookshop, al supermercato od in qualsivoglia facoltà) sono carne sprecata, in quanto tristemente etero. Noi non potremmo soddisfarlo, vezzeggiarlo e accudirlo come vorremmo e questo è motivo di somma tristezza per l'intero Convento!

il fidanzato: è un'altra trans-categoria, e non parlo certo di Luxuria, perchè la categoria del fidanzato ci colpisce tutti, perchè sia etero che gay purtroppo possono esserlo, e puntualmente lo sono.
In più, parlando di manzi passeggianti, ovvero pendolar-universitari, con la categoria "fidanzato" intendo quelli, fighi come dio solo sa, che trovi beatamente in treno, per strada, su una panchina, in aula, mano per mano con la propria ragazza (e/o ragazzo): orrrrrrrore, voglio morire. E per giunta, non pochi si limitano alla manina, see magari; infatti, in ogni dove, scorgo vomitevoli scene e scenette romantiche "al bacio", e a volte "alla trachea" degne di Dottor House, il tutto senza poter sparare in testa a lei e scoparmi lui.
Sigh, doppia tristezza.

l'incredibile: è la categoria che mi fa rodere di più. L'incredibile è un figo pazzesco, talmente perfetto che sembra uscito da un manga erotico, tanto da non crederci, ma è lì di fronte, davanti ai tuoi occhi, e tu sbavi.
L'incredibile ha l'altezza perfetta, il fisico perfetto, il look perfetto, la pelle perfetta, il viso perfetto, il culo perfetto, il pacco enorme, ecc.
Fenomeno raro ma non unico. Il problema? O appartiene alle prime due categorie, o è di fretta o è parte dell'immenso club privè del "non sei il mio tipo"!
A tesò, ma va' a morì ammazzato!

2) Le tipologie per "taglia":

lo small & pretty: è una categoria molto frequente e decisamente deliziosa; è la versione maschile di Kylie Minogue, bello come il sole ma alto 1.50 (o poco più).

l'enorme: è un maschione colossale, modello corteggiatore di U&D, alto dall'1.85 ai 2 metri, con un fisico statuario e un viso d'angelo; è una figata, ma è leggermente inquietante.

il right what you want: è il mio preferito. Il nome dice già tutto, forse troppo. Io qui mi riferisco alla "stazza", che nel mio caso è un bel figo magro&tonico alto 1.80, e per voi chissà! Classica leggenda metropolitana, usualmente vi passerà di fianco più e più volte nella vostra vita, senza mai fermarsi....in tal caso suggerisco sgambetto e poi pompino riparatore!

3) Le tipologie per carattere:

il self confident o quanto sò figo io: è quello che è figo e sa di esserlo, il che di solito si rispecchia nel look (che di solito tende ad un mito tra "truzzo"e"over") e in un fare da diva di Hollywood: la camminata spavalda, lo sguardo fiero e cagone, il modo palesemente lento con il quale si mette la sciarpa o si leva il giubbotto, il modo in cui si siede, il modo in cui si atteggia con cellulari e apparecchi di ultima generazione (perchè se non hanno la "i-"davanti non sono contenti). Di solito il self confident tende ad essere oltre che palestraterriomo anche ultra-curato, dall'abbronzatura d'inverno, alle sopracciglia pinzettate, al taglio all'ultima moda.
E' un bell'esemplare, sebbene dopo neanche 5 minuti scatta il bivio: o te lo dà o lo prenderesti volentieri a pugni.

il consapevole: il consapevole è colui che sa di essere figo ma non lo sbatte in faccia al mondo, e soprattutto non lo sbatte in faccia a te che parli con lui, ma nei suoi modi, nel suo sguardo e nel suo vestire scorgi tutta la sicurezza che scorre potente in lui, in una leggera ma preponderante consapevolezza. Delizioso, non c'è che dire.

l'inconsapevole: è l'opposto del quanto sò figo io, è colui che è figo e che non sa di esserlo, di conseguenza non si atteggia, non cammina come se avesse un tacco dodici, non cura particolarmente il vestiario e non ti guarda dall'alto in basso come se fossi un'attricetta di Bollywood. Tra l'altro non si offende se lo guardi, perchè è miglia lungi da lui il ritenere che tu lo stia fissando perchè è un figo della madonna: lo adoro!

l'insicuro: è un altra tipologia amabile, che consiste essenzialmente nell'evoluzione dell'inconsapevole, ovvero l'insicuro non solo non sa di essere figo maanche non crede di esserlo, il che è a dir poco mitico! Sì perchè, se incontrerete l'insicuro, lo potrete vedere nascondersi sotto la sua sciarpa, guardare dappertutto e da nessuna parte, e anche, in casi rari ma possibili, scambiare due parole con voi per sentirsi meno solo. Ovviamente non pensiate che se vi da un dito voi possiate prendere tutto il braccio...e le gambe!

l'incazzato cronico: è una fuggevole visione, solitamente in preda alla fase post mi è morto il gatto, ovvero l'incazzatura cronica. I suoi tratti distintivi sono pochi ma evidenti: il berretto schiacciato sulla faccia, gli occhi fiammeggianti, il viso tirato in una smorfia poco piacevole e una camminata talmente veloce che difficilmente gli starete dietro, nemmeno con gli ormoni a mille e la curiosità da Alice nel paese delle meraviglie di vedere dove va.
Provare per credere! Inseguitene uno e poi ditemi dove va.

4) Le tipologie per look:

il casual: il casual si autodefinisce: è vestito, non bene, non male, non look, non non look, non a caso, non finto a caso; è semplicemente classic: felpa e jeans, poco più, poco meno.

il causal consapevole: detto anche il "casual non a caso" o "finto casual" è quel ragazzo che a prima vista sembra casual, ma ad una seconda ripassata appare chiaro che nessun particolare è fuori posto: la cinta è quella giusta, il giubbino è quello giusto, il jeans è quello che gli esalta il fondoschiena, la felpa è quella appena uscita nei negozi, ecc.
Sinceramente apprezzo.

il truzzo: è la degenerazione delle degenerazioni, è un essere da cui leveresti immediatamente lo sguardo se non avesse due pettorali grandi come una casa, dei bicipiti che ti saltano in faccia e un viso da modello di Abercombie & Finch.
Il truzzo o "tamarrus italiensis" è diffuso quanto la pizza ed il mandolino, ed è caratterizzato da una tassonomia ricorrente: occhialoni alla Paris Hilton, berretto della D&G, mutande ascellari della Duch (evidenti nella loro interezza, vista la palese vita bassa dei panatloni), jeans che costano più di me (spesso della stessa marca delle mutande, o addirittura dei Jekerson), scarpe di marca (spesso di colorazioni tendenti all'argento-oro, tanto per rimanere sobri), maglioncini stretch o felpe aderentissime, e, ultima ma non ultima, pelle tendente all'arancio, sopracciaglia pinzettate e taglio supercool...almeno per loro.
Brutta cosa e bella cosa insieme.

l'over (solitamente moolto self confident): è una variante ramificata del truzzo, perchè non si veste allo stesso modo (grazie a dio) ma condivide col truzzo l'immensa cura di sè stesso, cosa evidente dall'enorme numero di dettagli evidentemente evidenti evidenzianti l'abbigliamento e la faccia, bella, bellissima, ma con più trucco di Christina Aguilera: abbronzati, pinzettati, tolettati, pettinati, profumati, peircingati e corredati da cappellino o sciarpa di tendenza.
L'over è proprio over. Troppo di tutto, ma anche troppo scopabile.

lo style: è l'evoluzione del manzo comune, è l'incrocio perfetto tra l'over, il truzzo e il finto casual. E' tolettato, profumato e pettinato, ma non è abbronzato, nè si veste come una baldracca di strada. Il suo look è evidentemente evidente (lo so, lo so, mi ripeto), abbinatissimo, con un vero gusto per i colori che usa sapientemente, abbinandone non più di due, e comprendendo nell'abbinamento anche orologio, scarpe e cinta.
Il risultato? Un figo tutto da guardare (cosa che tra l'altro apprezza, essendo nato per mettersi in mostra)

lo skater: è tipico, tipico, tipico. Segni distintivi: felpona di due taglie più grande, pantaloni a vaita bassissima larghi come il tendone del Circus di Britney Spears (tra l'altro con boxer grigio-neri c-o-m-p-l-e-t-a-m-e-n-t-e in vista essendo le braghe calate fino all'inverosimile nonostante la presenza di un'evidentemente inutile cintura da rapper), cappello con frontino girato di lato, scarpe da skate, spesso le Etnies.
Che dire, c'è a chi piace.

lo sporty: versione figa dello skater. E' super di moda nel 2012, soprattutto tra i manzi lgbt che si vogliono far passare per etero, Fabio compreso. Il look è un semplicissimo total tuta, a cui unire sapientemente giubbottoni di felpa della Diesel e scarpe da ginnastica che costano più delle extenctions di sorella Zobby. Tuta a casa, tuta fuori, tuta in palestra e quando è troppo caldo per il corredo completo vai di t-shirts; ah, ovviamente costoro, per sfoggiare il loro status symbol di simil etero pieno di soldi aggiungono solitamente anche un paio di Aussiebum e i famosissimi I-pad, I-phone e I-pad!

l'alternativ: è la variante dello skater proveniente dai centri sociali. Le modifiche apportate al look skater sono poche ma essenziali; prima i capelli: o rasati o rasta; seconda l'accessorio: la kefiah (la sciarpetta da comunista spinto); terza il giubbottino figo, meno largo del tipico giaccone in nylon dello skater.
Per il resto felpa, braghe calanti e scarpe enormi sono le stesse.
Le varianti però, in questo caso, sono pressocchè infinite.

l'alternativ vintage: è il mio preferito in assoluto; dotato di quell'allure tra l'artista concettuale ed in manzo inconsapevole, egli è solito mixare capi vintage, anche di non comprovata conservazione, ma dai colori sgargianti (ottimo esempio è una splendida giacca di velluto a coste lilla, un obbrobrio che però su chi di dovere stava da urlo) e elementi tra lo spiccatamente trash e il sobriamente nerd. Il punto è che è figo, che mixa gli stili e che usa abiti improponibili riuscendo cmq a dare al pubblico il meglio di sè.
Teatrante nato. Spesso inconsapevole.

il punk: il punk è punk, assolutamente e perentoriamente. Tipico e classico il punk emerge dalla massa indossando pantaloni strettissimi, color nero o grigio, giubbotto di pelle nera con borchie, "stivaletti da puttana" (ovvero carroarmati neri alti fino alla caviglia), maglia o felpa punk, sfoggiando una capigliatura che va dal rasato alla mega cresta in verticale, corredando il tutto con orecchini più o meno pesanti, cinture e braccialetti borchiati, e spille dappertutto.
Il punk è un must, potrà non piacere, ma è un must!

il daltonico: qui iniziano le note dolenti; il daltonico non sa abbinare i colori, per niente! Vedrete il giallo col rosso, il blu col nero, il verde col blu, l'arancio col grigio, ecc. Il daltonico è una botta negli occhi. Il daltonico solitamente è anche "alpino", ma spesso si possono incontrare daltonici vestiti con capi decenti, ma con colori allucinanti. C'est la vie!

l'alpino: oh my god! L'alpino è wonderful. Sì sì, l'alpino, come tutti gli altri è un manzo, ma uccide qualsiasi senso dello stile. Veste usualmente camice di flanella a quadrettoni, felpe di pail, jeans vecchi o extra large, tute da ginnastica, giacche del padre o vestiti consunti.
L'alpino, inoltre, è sempre "daltonico". Ok, ok, tutto quello che volete, ma quei muscoli guizzanti dietro la flanella, quella barba ispida e leggermente incolta e quel viso da "ti prendo e ti sbatto nudo contro il muro" a me fanno oggettivamente salire l'ormone!
L'alpino (o pedemontano)? Manzo rupestre e figo campestre, virlieggiante adone dalla carne esplosiva? Beato chi ne ha uno!!!

l'accaldato: è una chicca che v'ho tenuto per la fine. L'accaldato è colui che indossa sempre qualcosa in meno di quanto opportuno nella stagione corrente, per la nostra immensa gioia.
E' quello che d'inverno inoltrato ha il giubbino estivo aperto, che in inverno va via solo in felpa, che d'autunno gira ancora con la maglietta a mezze maniche, che in primavera mette già le braghe corte e d'estate tende ad usare lo stesso look della primavera, con punte estatiche a petto nudo. Dulcis in fundu, appunto.

Da notare che le categorie in questione si riferiscono tutte a manzi (quindi non sono contemplati i comuni mortali sebbene molte di esse sono tranquillamente applicabili a un qualsiasi maschio passeggiante) e che sovente sono da usare in abbinata.
Ad esempio, spesso il truzzo è self confident, l'insicuro è daltonico, l'accaldato è skater o alternativ, lo small&pretty è inconsapevole, ecc.

Buona Categorizzazione a tutti!!!
ps: per i ragazzi comuni ci sono, ad onor di completezza, anche l'emo ed il dark, ma raramente ho visto manzi appartenere a queste due specie (tra l'altro parecchio diffuse).

Kiss me all over. "

E poi ditemi anche che non sono stata brava!!

lunedì 2 gennaio 2012

Beyoncè partorisce e "Can't get you out of my head è la canzone del decennio!

Updated post.
La milionaria Beyoncè, incinta tanto per lo spirito santo quanto per l'anacondico segreto del marito (il lord-guru della musica rap e non Mr. J Zee) pare abbia partorito in questi giorni d'inizio 2012 [update per la notte tra il 7 e l'8 gennaio] (roba che manco i Maya, gli Aztechi e Lady Gaga avrebbero mai osato) la piccola Blue Ivy Carteroccupando da sola un'intero piano del Lennox Hill Hospital nell'Upper East Side di Manhattan eliporto compreso.
Sarà, ma io ora voglio le foto di lei, la bimba e l'anaconda del marito su Vogue America, con God Gaga che fa le faccine schifate sulla Pussy Wagon!!

Altro luogo altra corsa!
A Londra, mentre i Germanotti sbarcavano trionfalmente al Capodanno di New York La Performing Rights Society for Music (la Siae inglese) ha eletto le "canzoni del decennio 2001-2011", al primo posto c'è la splendida "Can't get out of my head" di Kylie Minogue, che zitta zitta adesso a 357 anni è più bella di prima e sconfitto un cancro, e dato alla luce l'ennesimo album divino (Aphrodite, guardacaso ;) si può sfregare le mani sulla sua pancia vera con questo più che dovuto riconoscimento.
E noi Cappellane non possiamo non goderci il video!

Ps: vorrei segnalare ufficialmente il primo vero evento del 2012: lo sbarco di Zobeide su Facebook! Questo il suo profilo! Fate cadere richieste come se piovesse (anche perchè Fb comincia a fare strani scherzi al mio prolfilo storico..)!

domenica 1 gennaio 2012

I Porci Propositi per l'anno nuovo!

Ora io non vorrei dire, ma questa foto dice già tutto!!!
Cmq, bando alle panze: auguri!!!
Com'è andata questa fine e soprattutto questo inizio? Avete già bruciato talismani maya e bevuto alla salute del mondo che verrà?? Avete scopato come neanche Rocco Siffredi e un tir di Amica Chips? Avete bevuto, sboccato e poi comprato nuovo il vostro vestito di Armani? Avete goduto, avete picchiato e siete stati picchiati? Avete fatto più botti voi che le Olgettinas a casa di Silvio? O avete semplicemente emulato Belen e Corona e avete circolato con la vostra Mercedes in zona pedonale a Cortina???

Tell me!
A me, ovviamente, tutto bene: ho mangiato, bevuto e schioppato che basta, ma siamo o non siamo qui per stendere nero su bianco i P.P. (porci propositi) per l'anno nuovo?

So, let's go!

1- Flessibilizzarmi.
Si sa che SorellaJc (sì, a volte parlo in terza persona) è parecchio rigida su certe cose, non ammette sgarri, nè estetici nè morali nè temporali. Bhe, è il momento di allentare la presa e di far fluire gli eventi e le persone per come sono, e mal che vada costruirò una fottuta diga, o semplicemente mi sposterò presso altri fiumi ;9

2 - Ehm...
Non si è capito? Bhe, diciamo pure che, non entro novembre, ma entro marzo, è il caso di dire no alla verginità e sì a valtroia!!!E dopo il sesso in cam, e l'accelerazione dei miei contatti milanesi, bhe, ne sentirete dell belle!

3 - Dargqueenizzarmi.Il 2012 sarà l'anno della riscossa, delle disco gaye e dei tacchi 45! Sto già pensando ad uno splendido abito con vitino da vespa, bustino nero, seno finto con scollatura, spalline piumate, orecchini giganti, parucca charleston, gorgiera elisabettiana e monocolo!

4- Manzodotarmi!
Ho giusto giusto acquisito il contatto msn di un bel tipo, maschile, muscoloso e tatuato che pare irrimediabilmente romantico e rude allo stesso tempo! E ovviamente se questo non ne andasse ne ho già preparati altri 3..

E voi, come pensate di abbattere la funesta profezia Maya??
Ri-tell all!