martedì 31 marzo 2015

Giovanni Caccamo boom: Oltre l'estasi!


Bello e bravo!
Etero manco a dirlo (una detective privata di mia conoscenza lo può confermare [no non una stalker ma un'amica comune tra me e lui, che Fa la detective privata; alla faccia dei 7 gradi di separazione, a me ne basta uno, o 90 e famo contenti tutti], con un viso pulito ed un baffo da attore porno anni 70, nel video si crogiola tra giacche en plan air (aka. senza maglietta sotto) e camicie bianche con cravattino corto ton sur ton, cantando un meraviglioso elettro pop.
Cos'altro dire? Il ragazzo si è fatto conoscere a sanremo giovani, quest'anno, vincendolo a mani basse e a piedi palmati, mostrando al mondo quello che sa fare meglio: cantare.

E noi non possiamo che plaudire a tanto piccolo gioiello rappresentato da questa canzone, impreziosita dal video, onirico ed ammiccante, e dalla non indifferente papabilità di lui.

Baci e acciacchi,
by SisterJc

martedì 10 marzo 2015

Jump the Gun, il nuovo video di Adore Delano!

Magnifica diavolessa in black and white. Ritornello più monotono che martellante, tuttavia l'intro e le parti centrali sono a dir poco ipnotiche.

Questa è vera classe cappellana! Guardate ed imparate!

martedì 3 marzo 2015

Forget.

Come sempre Marina colpisce al cuore.
Così come Valerio Scanu quando prova ad esternare sentimenti difficili da dire anche al sicuro di mura amiche di fronte a mezza Italia, così come quando vedi un film particolarmente romantico, i testi di Marina cadono come un vestito sui miei stati d'animo.
Ora è il momento di dimenticare sul serio, di andare avanti, solo che è proprio qui che emerge tutta la fatica che mi è sempre stata sulle spalle: trovare il prossimo.
Dire Next sarà pure facile, ma trovarlo il prossimo, quello è il vero problema, con l'aggravante che se tra una cosa e l'altra pensi ancora a quello vecchio, beh, è un cazzo di problema.
E ciò per dirlo a chi so che leggerà, non è che non ho capito che non sarà mai adatto a me, dalla musica che ascolta a tante cose che non ha senso elencare, una su tutte il suo palese disinteresse; tuttavia per un periodo l'ho potuto sentire mio.
Forse è il momento di uscire dall'Iperuranio degli amori omosessuali, e di darci dentro.
Io mi impegno anche: ho girato locali, ho sventrato chat, ho incontrato amici di amici, ma al momento ho solo trovato cadaveri nel Gange.Na tragedia.
E poi non vi voglio neanche parlare dei 4000 cazzi che ho nel finire il lavoro vecchio e nel trovarne uno nuovo, nel gestire problemi di salute e nel continuare a fallire nel recuperare qualcosa in più dei 64 chili scarsi che peso oggi, su 1.90 di altezza.

N'altra tragedia.
E lui, o chiunque altro, sarebbe stato un bello sprone.
Adesso, come da cinque anni a questa parte, come faccio a credere che la cosa migliorerà?

Un sogno cullato sei mesi non si dimentica subito, neanche con un addio.Diciamo che li dimenticherei volentieri "riempiendo qualche bocca" come direbbe Ciccio, però tra una cosa e l'altra, o mi do in sacrificio a qualche cagna dall'aspetto parecchio dubbio, o la mia cintura di castità si rimette da sola una bella doppia serratura e buonanotte suonatori.

Che vi devo dire?
Sono quasi le due di notte, 
andrò a letto,
e domani...è un'altra cagna!

SorellaJc

Edit:
1: il video ufficiale:
2: Mr. M. pare abbia decisamente voltato pagina, trovando tra le sue "amicizie" quella buona. Ovviamente le altre erano ruote di scorta. Beh, buona vita.
Se poi volete l'opinione di Zobeide: lui e l'altro stronzo devono morire male! Roba che ogni taxi che prenderanno a Parigi dovrebbero chiedersi bene chi è quella strana guidatrice con la parrucca che invece che a Montmartre li sta portando in un quartiere in cui l'attività principale è lo spaccio e la seconda è l'omicidio..

Tuttavia io non sono Zobeide, quindi bon voyage e sticazzi!

domenica 1 marzo 2015

Planet cagna!


Fratelli e sorelle, fedelissime Cappellane e devotissimi Untori, oggi l'argomento è scottante: 
Planet Cagna!
Cos'è, mi chiederete. Forse un film di serie B di un regista amabilmente splatter? Forse il nome della dependance del Convento? Forse il nome del mio nuovo libro?
No, semplicemente è il nome cappellano per l'universo parallelo (in buona parte social) in cui vivono le sgualdrine del 2015.
Certo è che, come qualsiasi pianeta, regione, sistema solare o anche solo città in questione, il Cagna Planet ha i suoi indubbi luoghi d'elezione, il primo è presto servito!

Luogo n.1: Cagnagram.Ebbene sì: il luogo maggiormente deputato alla manifestazione cagnina è Instagram.

Sintomi della cagnite fotografica?

A: filtri a go go.
Ma non filtri da poco, proprio filtri follia, roba che neanche Madonna per dimostrare 17 anni e mezzo.
Suvvia, siete, almeno anagraficamente uomini, non avrete mai la faccia di plastica!
Di Ken ce n'è solo uno e notoriamente gli manca un pezzo.
E invece no, solo pelle di pesca, magari editata malissimo (tipo la foto di cui sopra, in grado nella rara missione di imbruttire un bel ragazzo), cosa tipo "in rete liceo, dal vivo museo" o "in rete bambina, dal vivo, oops, non ti riconosco", o, più spesso, "che cazzo hai fatto con photoshop?"

B hashtag come se piovesse.
Devo spiegarlo? Anche no.
La cosa che personalmente mi indispone di più dopo i filtri tipo "house of wax" sono i 120mila cancelletti con dentro qualsiasi cosa, dai tag inutili sulle app con cui si fanno le foto #instapic #igers #vsco #vscocam a quelli sui momenti della giornata #morning #latenight #sunrise #sunset #earlybird
#wakeup (le supercagne che si fanno le foto truccate la prima mattina, sì LGBT compresi, ovviamente) a quelli con i nomignoli, gli acronimi e gli arzigogoli più vari.

C: foto da cagna.Nudi, semisvestiti, in doccia, o da soli a letto con le grazie scoperte....la domanda è: ma quanto sei sgualdrina per convincere ognuno dei tuoi 700 partner sessuali giornalieri a farti le foto mentre gliela fai odorare a mezzo mondo?
Risposta non pervenuta.
Ps: Facebook, per le cagne di razza del 2015 è ormai quasi superato, funge sì e no da collettore storico di foto e mi piace, un book, o meglio, un cagnabook, sfogliabile da chiunque a riprova del loro inesorabile fascino. Fidatevi della Badessa, FB è ormai una succursale di Cagnagram (o Istacagn, se volete).

Luogo n.2: cagnaNet.
Gayromeo, Grindr, Bearwww e cazzi e mazzi vari.
Tanta e tale è questa ovvietà che potevo anche omettervelo.
Certo è che dove la cagnaggine raggiunge gli abissi più toccanti sono proprio i siti d'incontri, dove non possono fare altro che mettere foto dei loro gioielli di famiglia....con il filtro.
Sadness.

Luogo n.3: ovunque!
Una vera cagna si riconosce anche al supermercato. Lo sguardo da TSO, le movenze da Nicki Minaji
e quella irreprimibile voglia di cazzo che emerge da ogni espressione del loro volto.

Quindi attente, ad ogni angolo potrebbe esserci una cagna pronta a farvela annusare per poi darla al vostro vicino di casa; e se per caso il vicino di casa foste proprio voi, aspettatevi di essere usati per scattare loro delle foto osè corredate da un inutile ammontare di hashtag e poi di essere gettati come pose malriuscite in foto in soprannumero.

Baci e ghigliottacci,
SorellaJc