mercoledì 16 settembre 2015

"Da grande sarai frocio": l'inno all'autoaccettazione di Immanuel Casto!

Eccoci di nuovo!
Il nuovo parto artistico del Casto Divo si sta svelando di fronte ai nostri occhi, e quello che vediamo non può che piacerci.

Poliedrico o forse solo poliabito, Immanuel nel video veste tutti gli stereotipi, i fenotipi (o i "finocchiotipi" se vogliamo) gay, gli armadi negli armadi in cui ci incaselliamo sempre, le fenomenologie ed i body types: dal bear, alla sfranta, dall'hipster alla drag queen! E fatemelo dire, Immanuel da drag è una gran gnocca, una vera cappellana!
Questo in un testo che scorre tra il serio ed il faceto, in un messaggio quanto mai diretto (la mano di Fabio Canino alla scrittura rende non poco) di autoaccettazione, per cui che tu sia maschia o che tu sia una gioiosa consorella, credi in te, non c'è nulla sbagliato (che fa rima con uno splendido "ci sono passato"), lo scoprirai, gay non è reato...nè tantomeno sfranta! 
Un neanche troppo velato attacco all'omofobia interiorizzata ed esteriorizzata (a badilate, mi verrebbe da dire) all'interno della stessa comunità LGBT. Una riflessione fatta canzone.

Chapeau!



















Pace e Pene
Vostra
Sorellajc

mercoledì 9 settembre 2015

Il #muoro del giorno: Nathaniel Buzolic!

Noto ai più per la sua presenza in "The Vampire Diaries" e in "The Originals" ed ora in attivo in "Significant Mother"
Diciamo che c'è ben donde per farsi succhiare...

E scusate se è poco!

Bonjour.

giovedì 3 settembre 2015

Epifanie!

Il 2 settembre 2015 è finalmente nata, o meglio, svelata al mondo SorellaJc!
Che gioia e gaudio si propaghino per tutto il regno!

Era il concerto di Immanuel Casto (con il quale ho una gaudentissima foto senza flash, ma evidentemente non era quello il punto della serata, anche perchè ormai è la terza volta che mi faccio una foto con il Divo) e come mi ero ripromessa, e soprattutto come Vi avevo promesso, alla fine sono uscita non solo dall'armadio ma anche da casa mia, ed il risultato, seppure con la parrucca che scendeva, il trucco meramente sufficiente, e con chissà quali altre debordanti errori da prima volta, a me ha reso soddisfatta.
Menzione va fatta, prima della cronaca ufficiale, a Minerva Lowenthal, grandissima signora e grandissima professionista, a cui mi sono presentata, e che mi ha dato belle parole di incoraggiamento (oltre che uno splendido "mi sembi Bree Van de Kamp", che io, come lei, adoro) ed è stata assolutamente umile ed aperta, bel segno di una comunità drag che si sostiene, fatta di persone semplici e di talento.
Detto ciò, qualche cosa divertente è ben successa.
I sorrisi, i complimenti random, la gente che mi ha fermato per farsi una foto (tra cui due ragazze, di cui una ci ha tenuto a dirmi che faceva la modella e che ammirava tantissimo l'outfit [nelle foto non si vede ma avevo dei pantaloni scivolati color acquamarina chiaro]), le facce gradevolmente sorprese di gente nota, una su tutte Mister M. (il Convento ti saluta), e tante altre cose.
Devo dire, la cosa più assurda è stato un bel ragazzo, non altissimo, barba e occhi azzurri, probabilmente strafatto di cristalli, che si è seduto tra me ed il mio amico ed ha cominciato a parlarmi in inglese, velocemente e facendomi una marea di complimenti (che sì ero figa, ma uno che mi dicesse "tesoro la parrucca sta scendendo fino al costato? Maledetti politically correct! Ma prometto che la prossima volta me la fisso la parrucca...); io, prima sondo se è solo in viaggio, e, dato che studia a Venezia, gli butto là un "ci scambiamo il numero" (sempre in inglese, mai una gioia, praticamente) ma lui declina, con cose tipo "non saprei come gestire la tua doppia personalità", io ho gentilmente ribadito che una è ed è splendida comunque, poi lui si è sperticato in scuse e io, sempre amabilmente, gli ho detto che non c'era alcun problema: tu sei un po' fatto, io ho provato a buttare l'amo, l'amo è caduto in mare..ma mica è morto nessuno.
Queste più tante altre cose sono successe, tra cui altri più o meno sfacciati tentativi di rimorchio, un trenino, ed io che canto ad uno, su richiesta, perchè era il suo compleanno "Happy Birthday Mr. President" (giuro, sono morta! Lol!), ma il bello sono le cose che potranno succedere.
E questo, tutto questo, e molto altro, potrete conoscerlo qui, o sul mio profilo Fb, epurato dalle vecchie foto e dedicato solo a me, la nuova me, la vostra, sempiterna:

SorellaJc