mercoledì 11 maggio 2016

Incidentata.

Sì sono sana e salva e no non è la mia auto.
Oggi ho avuto un incidente, nulla di particolarmente grave, salvo per l'auto del Convento, il pulmino funebre, che ha il muso distrutto e urge l'intervento di un'intera squadra di calcio di meccanici, possibilmente unti e sexy.
Il punto è che, per questo motivo, devo annullare tutti gli impegni che avevo preso per la settimana: fisioterapista, parrucchiere ma soprattutto la serata conclusiva del Trash al Parco dei Principi.
Una suora a mobilità zero, già la spalla ed il ginocchio che dolorano a targhe alterne non davano ottimi indizi di gioie all'orizzonte ma, dato che piove sempre sul bagnato, proprio la pioggia a fatto sì che oggi si compisse il malanno.E sì, per una volta ho tamponato io, solo non era lo straniero che mi porterò ad Alghero, presumibilmente a spese sue, dato che ultimamente di denaro proprio non ce n'è.

Mi spiace veramente di non poter partecipare, ma credo che il cielo mi abbia voluto mandare un messaggio: ho bisogno di uno stop, uno stop completo, che un po' devo (soprattutto viste le condizioni del pulmino) e un po' voglio prendermi.

Il blog in settimana partorirà un'altro post, già fatto a metà, anche per guidarvi spiritualmente (dato che di guida materiale oggi sinceramente non ho dato ottima prova) nel rimorchio selvaggio del weekend che si avvicina sparato, e con esso il traguardo della legge sulle unioni civili.
La Cirinnà, ve la ricordate?
Una legge a metà, ma meglio una suora oggi che un abate domani.

Che dire?
Io vi ricordo già da oggi l'evento (che tra l'altro vuole festeggiare la suora oggi, ovvero il cmq storico passaggio delle unioni civili in Italia): 
Ps: per il resto il Convento continuerà, incidente a parte, ad accogliere e selezionare le vostre partecipazioni al bando di selezione delle novizie, quindi mandate, mandate, e mandate, che io e Zobby tra un'espiazione e l'altra ci continueremo a dar da fare per voi!

Ou revours,
SJC

Nessun commento: